IN ORCHESTRA (parte 1)

L’Orchestra del Teatro La Fenice si compone di 90 Professori d’orchestra stabili, professionisti selezionati tra i migliori strumentisti diplomati nelle istituzioni italiane o straniere.  Essi collaborano insieme all’esecuzione musicale e seguono le indicazioni del direttore musicale  che di regola si pone in piedi davanti agli esecutori.  

Come tutte le orchestre impegnate ad eseguire repertorio lirico (teatro musicale) e sinfonico (composizioni solitamente per soli strumenti) sono riuniti in un preciso ordine per gruppi di strumenti. Archi, Fiati (Legni e Ottoni), Percussioni, Tastiere e Arpe (questa pagina è dedicata agli archi e ai fiati)

La consistenza numerica e la tipologia degli strumenti che compongono l’orchestra variano a seconda delle epoche storiche (barocco, classicismo, romanticismo) e del  genere musicale (teatro musicale, sinfonico).  Per eseguire brani musicali scritti nel Sei-settecento si impiega generalmente un organico più contenuto. La musica operistica e soprattutto sinfonica del tardo Ottocento richiede un maggior numero di strumenti a fiato.  Nel repertorio del Novecento viene spesso impiegato un considerevole di percussioni [ne parleremo in L’orchestra del Teatro (II) ]

Gli archi sono il gruppo più numeroso; “conducono” il discorso musicale ma sanno ugualmente creare atmosfere particolari, come si ascolta nel preludio del terzo atto di La Traviata di Giuseppe Verdi, opera che troneggia nel repertorio del Teatro La Fenice. 

https://www.youtube.com/watch?v=nXQEcEpyuIc

 

 

 

i video proposti hanno come protagonisti i componenti dell’Orchestra che da casa, durante lockdown, hanno preparato questi brevi approfondimenti sul loro strumento 

 

IN ORCHESTRA (parte I)

 

Per le rappresentazioni di teatro musicale l’orchestra si sistema nella cosiddetta “buca”, posta tra il proscenio e la platea. 

Fu il compositore tedesco Richard Wagner (Lipsia 1813 – Venezia 1883) ad introdurre l’utilizzo del cosiddetto ‘golfo mistico’, ossia la buca entro la quale l’opera prende posto nei teatri d’opera per migliorare l’acustica e soprattutto per garantire la totale visibilità del palcoscenico da parte del pubblico in platea. 

Per il repertorio sinfonico l’orchestra prende posto sul palcoscenico

 

Esplora

Ti potrebbero interessare.

Teatro La Fenice usa i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione